Cavità aumentate

Design site specific per Cave di tufo a Cappella Vecchia​

Si tratta di progetti site specific pensati proprio per invitare a ripercorrere il borgo di Cappella Vecchia tra le sue cave di tufo e la rampa e il giardino Caprioli, testimonianze di una Napoli greca e poi di tutte le successive stratificazioni della sua storia. Oggetti di design che attraverso forme ispirate dal luogo stesso, ‘parlano’ di antichi e nuovi materiali in un quartiere simbolo perché sede delle prime fabbriche di materiali necessari a costruire la città.  Un percorso tra materia e forma che diventa un’esperienza per ripensare Chiaia, non solo…

promosso da: F2Lab e Casa del Contemporaneo
direzione didattica e scientifica: Francesca Castanò e Carla Langella
Dipartimento Architettura e Disegno Industriale – Università degli Studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’

 

 

Tufacea

design: Rita Caiazzo Andrea Scala

Sistema modulare di libreria pensato come parte del progetto ‘cavità aumentate’ per valorizzare il sistema di cave di tufo di Cappella Vecchia a Napoli – che risalgono ai primi coloni greci e alla costruzione del loro insediamento urbano a Napoli sul Monte Echia a Pizzofalcone, cui conduce la vicina rampa Caprioli. La forma trapezoidale data dalla combinazione dei moduli della struttura in legno riprende quella delle cavità e si innesta in superfice ripetendone la geometria perché la si possa riconoscere come segno della storia di questi luoghi e della loro rigenerazione.

materiale:
legno di abete autoproduzione

Solar lamp

design: Alessia Manzo, Luigi Montella

Lampada cubica inclinata ispirata al concetto di bio-luminescenza e di trasporto della luce; con pannello solare incorporato, mascherine intercambiabili e texture provenienti da bio-ispirazioni microscopiche da materiali prelevati dal Giardino Caprioli, è pensata per essere collocata sia in ambienti esterni che interni. Anche questo progetto di illuminazione nasce per valorizzare il particolare ambiente del giardino Caprioli e della rampa che lo attraversa e che collega le cave di tufo di Cappella Vecchia al Monte Echia a Pizzofalcone e quindi al primo insediamento urbano che insieme alle cave risale ai primi coloni greci.

texture provenienti da bio-ispirazioni microscopiche

see tufo

design: Ilaria Troiano, Alfonso Trombetta, Angela Zaccariello

L’installazione multimediale nasce come parte di ‘cavità aumentate’ per valorizzare il sistema di cave di tufo di Cappella Vecchia a Napoli. Pensata per far conoscere più da vicino le caratteristiche del tufo, la lampada è resa interattiva grazie all’utilizzo di una cassa, che riproduce la storia della personificazione del tufo, mentre l’utente osserva il mondo attraverso di esso.

Pensata per far conoscere più da vicino le caratteristiche del tufo

Timelight

design: Simone Martucci, Alessia Schettino, Lucio Junior Prisco, Maria Saputo

Timelight è un intervento di Design site specific per le rampe Caprioli a Cappella Vecchia. Le scale luminescenti porranno l’attenzione sugli strati di materia su cui poggia la nostra città, agevolando il passaggio ad ipovedenti e attirando l’attenzione dei passanti. L’ascesa è accompagnata, tramite intuitivi QR code posti lungo le rampe, da un viaggio attraverso i secoli della storia di Napoli, dal mito di Partenope ai giorni nostri

il design per ‘fare luce’ sulle antiche cave di tufo

I numeri

01

Percorso urbano

10

Vetrine

04

Punti di interesse storico
e archeologico

30

progetti e opere site specific

In partenariato con

Con il supporto di

e la collaborazione di

Con il patrocinio di

Dicono di noi:

Napoli-Cavità aumentate

Cave di tufo a Cappella Vecchia | Rampe e Giardino Caprioli | Monte Echia/Pizzofalcone | Necropoli di via Nicotera

Vacuo del Collettivo DAMP, opera-manifesto di Materia Viva , nella prima versione site specific installata nel marzo 2021 a Palazzo Fondi, punto di interesse individuato perché sede di attività produttive del settore spettacolo, cinema e TV e prossimo al distretto artigiano di Rua Catalana.