Maggio-ottobre-dicembre 2023 e aprile 2022

Dal 4 al 21 ottobre 2023 Euploia è diventata un’azione espositiva diffusa di arte e design in cui, attraversando il denso paesaggio urbano di Chiaia, ci si muove dal mare alla montagna guidati dalle opere e dai progetti che invitano a inoltrarsi in antri, giardini e strade, dove il passo e lo sguardo spaziano da suggestivi innesti tra natura e artificio a reperti di quella antica cultura materiale che ancora oggi nutre la produzione artigiana e manufatturiera che emerge nella ricerca del contemporaneo attorno ad alcuni nuclei tematici che spaziano dal concetto di attraversamento a quello di sospensione, dall’altrove all’autorialità, fino all’incontro tra singolo e molteplice.

 

Il percorso tra arte e design vuole rendere visibile ai cittadini di Napoli i luoghi di fondazione greca della città e connettere le cave di tufo di Cappella Vecchia, attraversando la Rampa Caprioli e la necropoli di via Nicotera per giungere alla acropoli di Monte Echia. 

 

20
23 20
22

Maggio-ottobre-dicembre 2023 aprile 2022

Maggio 2023- Materia Viva – avvio workshop con Dipartimento Architettura Università Federico II Corso internazionale di Studi in Design for Built Environment con prof. Carla Langella per intervento tra cave di tufo a Cappella Vecchia e Monte Echia.  Work in progress per interventi site specific con opera di artisti e designer tra giugno e settembre 2023.

Ottobre 2023- percorso Euploia tra Arte e Design con passeggiate urbane da Cappella vecchia a Monte Echia passando per rampe e giardino caprioli e via Nicotera.

Dicembre 2023- percorso Euploia – la mostra della selezione delle opere di Arte e Design site specific.

Aprile 2022- A Napoli, a Cappella Vecchia, inaugurazione del percorso tra le cave di tufo, la rampa caprioli e il giardino con le installazioni e delle opere di design site specific realizzate per il progetto ‘Materia Viva’- ‘Il design per ‘fare luce’ sulle antiche cave di tufo’. 

Euploia è operazione urbana diffusa che presenta i risultati di un lavoro plurale riferito specificamente ai luoghi dove i primi coloni intorno al VII sec. A. C. hanno cavato il tufo e fabbricato Parthenope, il primo insediamento della città precedente a Neapolis, e dove oggi sono insediati importanti attività produttive e spazi dedicati all’arte contemporanea. Le opere realizzate per Euploia sono il ‘manifesto’ dell’operazione di Arte Pubblica che Materia Viva promuove a partire dalla sensibile porosità della materia stratiforme di Partenope che torna a farsi suono, non più parola in canto né racconto ma segno di un’altra sostanza: quella che luccica e cangiante diventa parte trasfigurata del corpo della città. Corpo di femmina e di uccello, di pietra e di vento, codice cifrato pronto a farsi muto altare per elevare e sprofondare l’andatura di chi si fa presente e vivo e, dopo ogni scavo, raccoglie altri frammenti e si fabbrica nuovo arnese cui chiedere perché lo spazio da abitare non sia ancora quello del poetare.